Marinetti e Joyce. Deformazioni e parole in libertà

A VOCE ALTA: IV transito

Vi siete mai fermato presso un fiume che scorre? Sareste capace di dare valori musicali e note esatte a quel fluire che vi riempie gli orecchi e vi addormenta di felicità?

 

 

venerdì 10 giugno 2016, ore 18.30

Libreria dello Spettacolo, Milano

AVA_Marinetti_960x480

 

 

Marinetti e Joyce

Deformazioni e parole in libertà

A VOCE ALTA: IV transito

 

con Francesco Maria Paradiso, Massimo Marchi

soprano Laura Catrani

 

 

logo_agon_bn-h60

 

produzione AGON

 

 

in collaborazione con Libreria dello Spettacolo, partner LIM Librerie Indipendenti Milano

 

logo_SIAE_blu

 

Gli appuntamenti sono realizzati grazie a “SIAE – Classici di Oggi”, il progetto della Società Italiana degli Autori ed Editori che sostiene la musica colta contemporanea.

 

logo-cidim

 

partner CIDIM – Comitato Nazionale Italiano Musica
Filippo Tommaso Marinetti

Filippo Tommaso Marinetti

James Joyce

James Joyce

 

 

Marinetti e Joyce

Deformazioni e parole in libertà

 

Viviamo la rivoluzione dell’INFORmazione autoMATICA: rivoluzione di trasformazione.

«Tutto avviene perché si trasforma e nel modo in cui si trasforma. Nulla accade in virtù di un processo prestabilito» (Luigi Nono).

Dalla rivoluzione meccanica, alla rivoluzione dell’ascolto, della comunicazione, la lingua si deforma, cioè si accresce e trasforma la dimensione, il ritmo e il timbro della parola.

«Il paroliberismo ha vinto – scrive Marinetti – influenzando tutte le letterature. Le parole in libertà orchestrano i colori, i rumori e i suoni, combinano i materiali delle lingue e dei dialetti, le formule aritmetiche e geometriche, i segni musicali, le parole vecchie, deformate o nuove, i gridi degli animali, delle belve e dei motori. Le parole in libertà spaccano in due nettamente la storia del pensiero e della poesia umana, da Omero all’ultimo fiato lirico della terra».

 

La lingua di Joyce è un tornado. Il flusso di coscienza è portato alle sue estreme conseguenze, la condensazione di parole è allo stato terminale, le lingue e i dialetti usati sono decine, spuntano idiomi inventati, i neologismi nascono dalla fusione di termini di lingua differenti oppure saldando insieme suoni e pensieri, vocali e consonanti si scambiano, le onomatopee tracimano, un tuono viene espresso con una parola di cento lettere: babadalgharaghtahkhamminarronnkonnbronntonnerronntuonnthunntrovarrhounawnshawntochoordenenthurnuk!

La pagina diventa un magma linguistico proteiforme, puzzle incomponibile, «la suprema sintesi verbale del creato».

Letteratura e poesia vanno lette con l’orecchio.

 

A VOCE ALTA – Marinetti e Joyce

approfondimento

James Joyce

James Joyce

 

 

INFO

Libreria dello Spettacolo – via Terraggio 11, Milano

tel. 02 86451730

 

ingresso libero

 

A VOCE ALTA programma completo