The migrant nation

IV AGON action LAb - 27 maggio 2018

domenica 27 maggio 2018 ore 21.00

Teatro Franco Parenti

via Pier Lombardo 14, Milano

 

drammaturgia Guido Barbieri

musica Michele Tadini

video Diego Ronzio

foto © Diego Ronzio

Guido Barbieri voce narrante

Pietro Pirelli pietre e metalli

Michele Tadini live electronics

 

con la partecipazione di

Judith Ngome Ekwele

Milivoje Ametovic

Elona Aliko

Azzurra

 

e con i partecipanti al lab dalla Civica Scuola di Cinema e Musica

Maurizio Berta

Tarek Bouguerra

Vittorio Duò

Filippo Ripamonti

 

 

Sostiene Vladimir Nabokov che “patria è la lingua in cui si sogna”. Si potrebbe aggiungere che patria è anche la lingua in cui si scrive. Lo sanno bene i migranti e i migrati che dopo aver vissuto l’esperienza traumatica dell’abbandono delle loro terre sono approdati non solo ad un nuovo paese, ma anche ad una nuova lingua. E molti di loro l’hanno usata, e la stanno usando, per raccontare sé stessi. Un modo per acquisire, di fronte al silenzio colpevole dello stato, un privato, intimo ius soli.  “The Migrant Nation” raccoglie quattro “scrittori” – nel senso lato di donne e uomini che scrivono – provenienti da quattro diversi angoli del mondo: la Nigeria, il Camerun, la Serbia e l’Albania. E fa ascoltare le loro voci. Voci che traducono in suoni le loro parole scritte. Le loro auto narrazioni. A legare insieme le “autobiografie migranti” ci sarà il filo di una favola: una favola africana che coniuga al presente il mito universale dell’Histoire du soldat: la storia di un violino e di un soldato, di un diavolo e di una principessa. E della musica che salva l’anima di un uomo. Una storia che racconta una migrazione senza fine, nel tempo e nello spazio. 

Guido Barbieri

 

Scritture migranti molteplici si intrecciano in viaggio, in una serie di incontri.

Storie, racconti, musiche, esperienze, idee.

La musica come ricordo, nostalgia della terra di origine.

La musica come rinascita, come rigenerazione – nella sua possibilità di reinventarsi a ogni nuova migrazione.

 

Una narrazione, una storia nota e nuova al tempo stesso.

Quattro racconti di vita per le voci degli stessi protagonisti che queste storie le hanno vissute e scritte.

Quattro giovani compositori, quattro incontri musicali tra origine e reinvenzione.

Un tessuto unico, condotto da un unico percussionista. Trasfigurato dall’elettronica e in vero contrappunto con il video che si intreccia in una narrazione parallela.

Scritture molteplici – migranti.

Michele Tadini

 

Qui trovi la presentazione degli AGON action LAb

 

ingresso € 10,00 – ingresso ridotto con tessera AGON

 

in collaborazione con

Fondazione Archivio Diaristico Nazionale

DiMMi  – Diari Multimediali Migranti

 

con il contributo di

SIAE  Classici Oggi

CIDIM

 

AGON è soggetto di rilevanza regionale di Regione Lombardia